banner

Alternanza scuola-lavoro, bollino di qualità per 37 aziende bresciane

  • Data pubblicazione: 30/07/2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Confindustria, in sinergia con le sue Associazioni territoriali e di categoria, promuove il “Bollino per l’Alternanza di Qualità” (Baq), un riconoscimento rilasciato alle imprese che si distinguono per la realizzazione di percorsi di alternanza scuola-lavoro di alta qualità, attivando collaborazioni virtuose con scuole secondarie di secondo grado e centri di formazioni professionale.

Fin dal primo momento in cui l’alternanza è divenuta obbligatoria, Associazione Industriale Bresciana ha promosso sul territorio validi percorsi di alternanza, valorizzando il ruolo e l’impegno delle imprese a favore in primo luogo dell’orientamento professionale e quindi dell’inserimento occupazionale delle nuove generazioni e facilitando altresì nuove forme di partnership tra scuole e imprese destinate alla futura crescita delle competenze dei ragazzi.

Già diverse aziende associate ad Aib hanno ottenuto il “Bollino per l’Alternanza di Qualità” di Confindustria: AB Impianti, ATP di Garzoni Franco, Acciaierie di Calvisano, Aere, Assisi Raffineria Metalli, Aso Siderurgica, Automazioni Industriali Capitanio, Barone Pizzini, CD Gerard's, COMS Carpenteria Officina Meccanica, Conf Industries, El.Com, Fabbrica d'Armi Pietro Beretta, Facenti, Fasternet Soluzioni di Networking, Fedabo, Feralpi Siderurgica, Ferriera Valsabbia, Fer-Par, Foma, Franplast, Francesco Franceschetti Elastomeri, Industrie Saleri Italo, Italian Gasket, Ivar, Lafre, Leonardo, Metelli, Neba, Poliambulatori Santa Maria, Protech, R.B.M, Regesta, S4Win, Saef, Sintex, Streparava,  Tamburini, Travi e Trafilati di Pollanzeno, Up&UP, Viva Brescia Diesel, Web-b.

Queste sono le prime imprese ad ottenere il Bollino di Confindustria, fino a oggi l’unico riconoscimento per quelle aziende che hanno voluto impegnarsi a fondo nello sviluppo di percorsi di alta qualità – sottolinea, Paola Artioli, vice presidente di Aib per l’Education –. Continueremo a lavorare affinché molte altre imprese seguano il loro esempio, consapevoli di operare in un territorio che ha mostrato grande sensibilità: lo scorso anno infatti, nell’ambito dei progetti di alternanza, i nostri studenti hanno trascorso nel complesso quasi 2 milioni di ore nelle aziende bresciane. Proprio come proposto anche da Confindustria, serve favorire l’incontro tra domanda e offerta, attraverso percorsi di studio in linea con le esigenze delle imprese, collegando mondo della scuola e mondo del lavoro, grazie a strumenti come l’alternanza e l’apprendistato; puntare sulla formazione continua, da realizzare anche con il sostegno dei fondi interprofessionali ed infine valorizzare vere e proprie filiere educative inserendo l’apprendistato nei percorsi formativi. Accanto all’alternanza, continua poi il nostro impegno per la diffusione dei percorsi Its. L’avvio anche a Brescia dell’Its Meccatronica è stato infatti possibile grazie al decisivo contributo di Aib”.