banner

Protocollo d’intesa sul riscontro delle banche alle MPMI in relazione alle domande di finanziamento che non vanno a buon fine

  • Data pubblicazione: 02/07/2018

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di mettere in condizioni le imprese di comprendere meglio le ragioni sottostanti l’eventuale mancato accoglimento delle proprie richieste di finanziamento e assumere le misure necessarie per superare le proprie debolezze nell’accesso al credito.

Su richiesta dell’impresa, la banca fornirà, entro trenta giorni, in forma scritta e in modo chiaro indicazioni utili all’impresa sulle possibili aree di miglioramento riguardo in particolare: la struttura finanziaria, la capacità reddituale, l’iniziativa imprenditoriale oggetto della richiesta di finanziamento, le garanzie prestate e/o gli elementi informativi messi a disposizione della banca per la sua valutazione. Nel Protocollo è inoltre fatta salva la possibilità per le banche di fornire un riscontro più dettagliato rispetto a quanto previsto o secondo modalità più favorevoli per le imprese.

Le banche informeranno le imprese interessate circa le procedure, i dati e la documentazione necessarie per la corretta presentazione della domanda di finanziamento, nonché sulle modalità per ottenere il riscontro in caso quest’ultima non vada a buon fine.

 

Le banche che intenderanno aderire al protocollo d’intesa dovranno trasmettere all’ABI il modulo di adesione a partire dal 30 settembre 2018, impegnandosi a rendere operative le disposizioni in esso contenute entro 30 (trenta) giorni lavorativi dalla data di adesione.

 

L’ABI provvederà a pubblicare, e a tenere aggiornato, sul proprio sito internet l’elenco delle banche aderenti

 

Il Protocollo, datato 29/05/2018, ha validità per tre anni, al termine del quale potrà essere rinnovato, anche alla luce delle indicazioni che emergeranno sulle migliori pratiche seguite nei diversi paesi membri dell’Unione Europea. Il Protocollo può essere modificato con l’accordo delle Parti firmatarie. Le banche aderenti possono recedere dall’adesione con comunicazione in forma scritta all’ABI.