D.: In seguito ad una richiesta di fornitura di un manufatto del valore di 51.000,00 ad una societ inglese, ci stato proposto un pagamento come segue: acconto del 40% allordine e saldo del 60% a pronta consegna. Abbiamo richiesto una garanzia sul valore dellacconto, per la quale non sembrano molto disponibili, la possibilit di verificare presso di loro lidoneit del manufatto ed eventualmente, se necessario per tutelarci, di contribuire per il 50% al pagamento delle spese bancarie per lesecuzione della garanzia.
Sembra che la societ inglese non rilasci garanzie sul manufatto ultimato. E possibile che non lo facciano oppure devono comunque assoggettarsi alle normative europee?

R.: Non ci sono vincoli che impediscano al fornitore inglese di richiedere il rilascio di una garanzia bancaria di restituzione dellimporto pagato in anticipo, n tanto meno esistono normative europee che impongano alcunch.

Il problema solo commerciale/contrattuale.

La richiesta di una garanzia sullacconto e della verifica del manufatto presso il fornitore del tutto legittima.

La garanzia pu essere rilasciata da banca inglese sotto forma di Stand by Advance payment bond (garanzia di restituzione dellimporto pagato in anticipo).

Se invece si volesse una garanzia sulla corrispondenza del manufatto alle caratteristiche contenute sullordine di acquisto, allora occorrerebbe il rilascio di un Performance bond.

Suggerisco di valutare attentamente la seriet commerciale del fornitore inglese ed, eventualmente, fare una controproposta di pagamento che preveda una percentuale di anticipo diversa dal 40% ed il saldo, anzich alla consegna, una parte alla consegna ed una parte posticipato rispetto alla consegna stessa.

Le soluzioni, comunque, possono essere diverse e, sulla carta, non esistono soluzioni tecniche efficaci se non rapportate alla valutazione dei rischi a cui siete esposti, agli aspetti commerciali e contrattuali dellaccordo con il fornitore inglese.