Attenzione: la norma di riferimento stata modificata a seguito del rinnovo contrattuale del 20 gennaio 2008. Pertanto, la presente risposta attualmente in corso di revisione.

***

Il contratto prevede, nei confronti dei lavoratori ritardatari, un particolare meccanismo di calcolo delle ore lavorate ed una conseguente trattenuta retributiva.

Lapplicazione della suddetta trattenuta, avendo essa natura esclusivamente amministrativo-contabile e non disciplinare, da una parte non richiede la preventiva contestazione delladdebito (cfr. FAQ. n. Q 01) mentre, dallaltra, non preclude leventuale adozione di sanzioni disciplinari.

Pertanto, il conteggio delle ore viene effettuato in modo tale che il ritardo venga "arrotondato per eccesso" a quindici ovvero a trenta minuti: infatti, il conteggio delle ore di lavoro sar effettuato a partire da un quarto dora o mezzora dopo linizio dellorario di lavoro che avrebbe dovuto osservare, a seconda che il ritardo sia compreso nei primi 15 minuti o oltre i 15 e fino ai 30.

 

 

Documenti allegati