Attenzione: la norma di riferimento stata modificata a seguito del rinnovo contrattuale del 20 gennaio 2008. Pertanto, la presente risposta attualmente in corso di revisione.

***

In caso di passaggio del lavoratore a categoria superiore, la disciplina contrattuale degli aumenti periodici di anzianit trova applicazione secondo lo schema di seguito riportato.

OPERAI

Passaggio

Sintesi disciplina contrattuale

Dalla 1a alla 2a

Lanzianit ai fini degli aumenti periodici nonch il numero di essi decorrono nuovamente a partire dal giorno di assegnazione alla nuova categoria(*).

 

Dalla 2a alla 3a

Lanzianit ai fini degli aumenti periodici nonch il numero di essi decorrono nuovamente a partire dal giorno di assegnazione alla nuova categoria(*).

 

Dalla 3a alla 4a

Lanzianit ai fini degli aumenti periodici nonch il numero di essi decorrono nuovamente a partire dal giorno di assegnazione alla nuova categoria(*).

 

Dalla 4a alla 5a

 

 

Gli aumenti periodici gi maturati sono ragguagliati agli importi previsti per la 5a categoria.

(es.: operaio con due scatti maturati in 4a categoria, per un valore unitario di 26,75 euro, e con maturazione del terzo scatto il 1 febbraio 2002; erogazione in busta paga della voce "aumenti periodici di anzianit" pari a 53,50 euro; passaggio in 5a categoria con decorrenza 1 gennaio 2002; il valore dei due scatti maturati nella 4a categoria viene adeguato e corrisposto secondo il valore unitario dello scatto di 5a categoria, pari a 29,64 euro, con conseguente nuova erogazione in busta paga della voce "aumenti periodici di anzianit" per 59,28 euro; rimane immutata la decorrenza del terzo scatto dal 1 febbraio 2002).

 

(*) Resta salvo il diritto del lavoratore di ricevere, in seguito al passaggio a categoria superiore, una retribuzione non inferiore a quella percepita nella precedente categoria, comprensiva degli aumenti periodici di anzianit gi maturati.

Ne consegue che, se dovesse risultare una differenza, in negativo per il lavoratore, tra le due diverse retribuzioni di cui trattasi, dovr essere garantito al lavoratore stesso un trattamento economico pari alla precedente retribuzione (cfr., AA.VV., Contratto collettivo nazionale di lavoro per lindustria metalmeccanica privata, Milano 1979, pag. 278; cfr., inoltre, AA.VV., Commentario del contratto collettivo dei metalmeccanici dellindustria privata, diretto da Carinci e Veneziani, Milano 1997, pag. 823).

 

INTERMEDI E IMPIEGATI

Categoria

Sintesi disciplina contrattuale

Dalla 2a alla 3a

Gli aumenti periodici gi maturati sono ragguagliati agli importi previsti per la 3a categoria.

(es.: impiegato con due scatti maturati in 2a categoria, per un valore unitario di 21,59 euro, e con maturazione del terzo scatto il 1 febbraio 2002; erogazione in busta paga della voce "aumenti periodici di anzianit" pari a 43,18 euro; passaggio in 3a categoria con decorrenza 1 gennaio 2002; il valore dei due scatti maturati nella 2a categoria viene adeguato e corrisposto secondo il valore unitario dello scatto di 3a categoria, pari a 25,05 euro, con conseguente nuova erogazione in busta paga della voce "aumenti periodici di anzianit" per 50,10 euro; rimane immutata la decorrenza del terzo scatto dal 1 febbraio 2002).

 

Dalla 3a alla 4a

Gli aumenti periodici gi maturati sono ragguagliati agli importi previsti per la 4a categoria.

(vedasi, apportando le necessarie modifiche dei valori unitari, il meccanismo di cui allesempio esposto per il caso di passaggio dalla 2a alla 3a).

Dalla 4a alla 5a

La cifra corrispondente agli aumenti periodici gi maturati riportata nella misura del 50% in aggiunta alla nuova retribuzione stabilita e l`anzianit, ai fini degli aumenti periodici, nonch il numero di essi decorrono nuovamente a partire dal giorno di assegnazione alla nuova categoria (*).

 

Dalla 5a alla 5a liv. sup.

 

 

Gli aumenti periodici gi maturati sono ragguagliati agli importi previsti per la 5a categoria livello superiore.

(vedasi, apportando le necessarie modifiche dei valori unitari, il meccanismo di cui allesempio esposto per il caso di passaggio dalla 2a alla 3a)

Dalla 5a alla 6a

La cifra corrispondente agli aumenti periodici gi maturati riportata nella misura del 50% in aggiunta alla nuova retribuzione stabilita e l`anzianit, ai fini degli aumenti periodici, nonch il numero di essi decorrono nuovamente a partire dal giorno di assegnazione alla nuova categoria (*).

 

Dalla 6a alla 7a

 

 

Gli aumenti periodici gi maturati sono ragguagliati agli importi previsti per la 7a categoria.

(vedasi, apportando le necessarie modifiche dei valori unitari, il meccanismo di cui allesempio esposto per il caso di passaggio dalla 2a alla 3a)

(*) In questi casi, la retribuzione di fatto comprensiva degli importi degli aumenti periodici gi maturati rester invariata qualora risulti pari o superiore al minimo contrattuale di retribuzione della nuova categoria maggiorato del riporto del 50 per cento degli scatti di cui trattasi.

Documenti allegati