banner

Vice Presidenti

I Vice Presidenti sono:

Vice Presidente Education e Capitale Umano

Artioli Paola  

Vice Presidente Sviluppo d'Impresa, Innovazione ed Economia 

Baronchelli Angelo

 

 

Vice Presidente con delega all’Energia, all’Ambiente ed alla Sicurezza

Frigerio Enrico   

Vice Presidente con delega al Lavoro, alle Relazioni Industriali ed al Welfare

Zini Roberto  

PAOLA ARTIOLI

Paolo Artioli è sposata e ha due figli di 12 e 21 anni.

Dopo gli studi classici a Brescia, si è laureata in Economia e Commercio presso l'Università La Sapienza di Roma nel 1986 e ha poi approfondito i suoi studi in Business & Tax Law presso il City of London Polytechnic.

Abilitata alla professione di dottore commercialista  dal 1989, revisore dei conti dal 1990.

Dopo aver lavorato a Roma in primari studi di consulenza aziendale e legale, nel 1999 ha deciso di trasferirsi a Brescia riprendere la carriera imprenditoriale nel gruppo di famiglia, che oggi opera sui mercati internazionali  con quattro stabilimenti e 850 dipendenti .divenendo consigliere delegato e poi presidente di ASO Siderurgica.  

In ambito associativo dal 2005 è componente del Consiglio Generale dell’Associazione Industriale Bresciana, di cui è stata Presidente del Settore Metallurgia e Siderurgia, e dal 2013 è Vice Presidente Education, operando attivamente nella costruzione delle relazioni fra il mondo della Scuola e dell’Università e  le imprese.

Dal 2012 è VP di Federacciai.

Da oltre 10 anni si occupa di iniziative inerenti alle pari opportunità e alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nell’ambito aziendale, istituzionale, essendo stata componente della Commissione pari Opportunità della Provincia di Brescia, e fondatrice e Coordinatrice del gruppo Femminile Plurale dell’Associazione Industriale Bresciana. Ha  condotto numerosi progetti di formazione e di promozione dell’imprenditoria femminile oltre ad aver partecipato in qualità di relatrice a numerosi convegni e seminari inerenti alle pari opportunità.

Il 2 giugno 2015 il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella le ha conferito l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro per essersi resa singolarmente benemerita nel campo dell’Industria Siderurgica;

Nel giugno 2016 ha ricevuto il Premio Marisa Bellisario per l’Imprenditoria in occasione della XXVII edizione.

ANGELO BARONCHELLI

Angelo Baronchelli nasce nel 1959 da una famiglia di agricoltori e fin dall’infanzia contribuisce con il suo lavoro all’economia famigliare. Si diploma come perito elettrotecnico ed è in questi anni, a seguito della sua formazione sia in famiglia che a scuola, che matura le idee e le convinzioni che ancora oggi lo accompagnano. I lavori che realizza la neonata AB nei primi anni ’80 sono impianti elettrici e di automazione nel contesto agricolo e zootecnico e negli anni ’90 sviluppa una tecnologia che ancora oggi non ha eguali nel campo della cogenerazione di energia. E’ il 1997, infatti, quando Baronchelli lancia il prodotto Ecomax, il primo sistema di cogenerazione di concezione industriale. La natura containerizzata degli impianti consente grande flessibilità e ri-collocabilità, tempi brevi di installazione e avviamento e semplicità di interconnessione con sistemi impiantistici già esistenti.

Angelo Baronchelli ha investito tutto sulla sua intuizione e ha costruito negli anni un’azienda che fu la prima in Italia e in Europa a progettare e realizzare l’intero impianto di cogenerazione in ogni sua parte e a garantire così qualità assoluta in ogni fase della filiera produttiva.  Per far crescere l’azienda nel corso degli anni Angelo Baronchelli è stato in grado di convogliare in AB le migliori competenze  in campo elettromeccanico, tutte riunite nella stessa ingegneria di processo: il risultato è un prodotto in grado di ottenere le performance qualitativamente più elevate che si possano registrare nel settore. Il polo engineering da lui voluto raccoglie 130 fra ingegneri, tecnici e specialisti di settore in oltre 30.000 mq di edifici fra loro collegati e rappresenta un vero e proprio laboratorio multidisciplinare, un luogo in cui più di quindici diverse professionalità dialogano costantemente definendo e pianificando l’attività di costruzione dell’impianto in ogni sua parte.

Grazie anche a questo AB è oggi il riferimento globale della cogenerazione.  Fino a oggi sono stati installati oltre 1.150 impianti per un totale di potenza elettrica nominale che supera i 1.350 MW. Negli ultimi anni la capacità produttiva è quadruplicata e il numero di dipendenti ha raggiunto le 700 unità. AB è oggi presente con filiali dirette in tutta Europa, Russia, Israele, Nord America, Messico e Brasile.

Angelo Baronchelli continua ad esserne il Presidente e il punto di riferimento oltre a svolgere importanti incarichi associativi come vice-presidente sia in AIB (Associazione Industriale Bresciana) che in CIB (Consorzio Nazionale Biogas). Insieme alla sua creatura AB, persegue con determinazione la sua evoluzione nell’innovazione, accumulando conoscenze, esperienze e tecnologie per rispondere con nuove soluzioni a un bisogno primario dell’uomo, l’energia, e contribuendo alla costruzione di un futuro migliore nella direzione di un sistema ecosostenibile.

Velocità, flessibilità, disponibilità sono parole chiave spesso utilizzate nell’azienda di Orzinuovi e che Baronchelli ama “esportare” anche al di fuori di AB nei propri incontri, per una nuova cultura del lavoro e un rilancio dell’Italia nel Mondo. Coinvolgimento precoce dei ragazzi nel processo produttivo, aggiornamento delle relazioni industriali, ripensamento dei ruoli di tutti gli attori coinvolti, centralità dell’impresa e ricerca dell’eccellenza devono essere tra i capisaldi del rilancio economico a cui egli punta, portando avanti le sue idee nelle diverse cariche che occupa. Queste virtù, che hanno reso grande il nostro Paese in passato, possono far tornare l’Italia protagonista a livello internazionale.

ENRICO FRIGERIO

Enrico Frigerio è esponente della terza generazione di una famiglia di imprenditori, nella cui azienda situata a Torbole Casaglia comincia a lavorare nel 1985 , dopo aver completato gli studi alla Fondazione P. Simpliciano Olgiati - Istituto Ven. A. Luzzago.

Nato il 10 marzo del 1960, ottenuta la maturità scientifica nel 1978, muove i primi passi nel mondo delle fonderie alla Besfond di Castegnato e alla Fonderia Leghe Speciali di Brescia, prima di approdare come impiegato dell’ufficio acquisti nella fonderia di famiglia, Fonderia di Torbole, specializzata nella produzione di componentistica per l’automotive ed in particolare il disco freno.

Assume la direzione generale dell’azienda nel 1990 e nel 1995 entra a far parte del Consiglio di Amministrazione.

Sotto la guida di Enrico Frigerio l’azienda cresce e a partire dal 2000 inizia una serie di acquisizioni sia in un ottica di verticalizzazione del processo industriale sia  di ampliamento dell’ offerta industriale al mercato automotive: dapprima nel 2000 con l’ apertura di un nuovo sito produttivo dedicato alle lavorazioni meccaniche, poi nel 2008 con l’acquisizione di Fond stamp per la produzione di stampi in ghisa e acciaio per carrozzerie ed infine nel 2015 con l’acquisto di Fonderia Pilenga dedita alla produzione di getti in ghisa per settori produttivi differenziati.

Oltre ad essere amministratore delegato delle aziende del gruppo è membro del consiglio di Presidenza dell’ Associazione Industriale Bresciana con delega all’Energia, al Gas e alle convenzioni, membro del Gruppo tecnico in Confindustria per l’energia, presidente del pala EIB (Ente Fiera) e nell’ambito del sociale è attivo nella qualità di consigliere di amministrazione del Liceo Luzzago di Brescia.

Parallelamente a tali attività è stato impegnato a livello nazionale nell’ambito delle associazioni di categoria come vicepresidente di ASSOFOND (Federazione nazionale fonderie) dal 2008 al 2013 e presidente italiano del CAEF per il 2008 (the European Foundry Association).

ROBERTO ZINI

Roberto Zini è nato a Chiari, in provincia di Brescia nel 1963. E’ Sposato con due figli. Imprenditore, è presidente del gruppo Farco di Torbole Casaglia (Farco srl, Sintex srl, Sinermed srl, Eost srl) un pool di 4 aziende che operano nel settore della sicurezza sul lavoro. Laureato in Sociologia presso l’università di Urbino, è da sempre coinvolto in attività di formazione e partecipa a convegni e tavole rotonde sui temi del lavoro, dell’ambiente e della sostenibilità. Impegnato nell’Associazione Industriale Bresciana con ruoli di responsabilità, prima nel direttivo della Piccola Industria con il ruolo di vicepresidente,  è dal 2013 nel consiglio di Presidenza di Marco Bonometti con la delega alle zone territoriali, settori merceologici e sviluppo associativo. Membro del comitato tecnico per la responsabilità sociale d’impresa  di Confindustria, è stato tra i promotori della scuola di Economia Civile a Brescia.